Storie | #StorieDalGiro

Abbiamo una storia
e delle storie da raccontare

“Ho un’attività qui, non posso dire di essere venuto apposta per il Giro, ma vederlo qui è bello, siamo contenti. Io personalmente non posso dirmi un appassionato. L’ho seguito di più quando c’era il Pirata. L’anno scorso con Aru ho ricominciato ad entusiasmarmi. Secondo me dipende dai momenti. Ci vuole il giusto corridore per emozionarti. Mi piace più la disciplina in sé, io sono uno sportivo, riconosco la difficoltà fisica rispetto agli altri sport: ci vogliono un allenamento e una costanza assurdi. Credo sia più bello da praticare che da guardare. Prendi il Giro, ti permette di vedere dei posti meravigliosi. Chiaro, non ti puoi fermare a guardare il paesaggio, però attraversi delle regioni spettacolari. Prendi la Sardegna: è tutta bella!”.

Condividi questa storia

“Mi definisco una ex-fan accanita. Ho seguito tantissimo il ciclismo, ma non solo il giro, anche il Tour e la Vuelta. L’ultima volta che il giro è passato da queste parti io c’ero. Avevo 14, 15 anni. Erano i tempi di  Gianni Bugno, Chiappucci e Pantani. Era la mia passione, ma non so dirti perché, non sono mai salita su una bici da corsa. Ho sempre apprezzato lo sforzo immane: è uno degli sport più faticosi che ci siano, se non i l più faticoso”.

Condividi questa storia

“E’ la nostra prima volta al Giro!”.

Condividi questa storia

“Siete appassionati di ciclismo?”

“Per niente”, ma come fai a non appassionarti a un evento così!?”

Condividi questa storia

“Sono qui per lavoro. Siamo ancora in bassa stagione, i turisti arrivano alla spicciolata, e un evento come il giro ci permette di lavorare. Non sono un vero appassionato, pratico un po’ di sport, ma non il ciclismo. Ho perso un po’ di fiducia nello sport. Gli sportivi “D.O.C.”non esistono più. E’ un paradosso: la sportività non fa più parte dello sport”.

Condividi questa storia

“Ho accompagnato mia mamma. E’ lei l’appassionata di ciclismo.Ha una vera malattia per il Giro.E’ venuta qui per Nibali, secondo lei al momento non c’è altro. Le è sempre piaciuto il ciclismo. La passione gliel’ha trasmessa mio nonno, suo padre”.

Condividi questa storia

“Sono napoletano, ma vivo a Olbia da 30 anni. Sono un orafo e un artista, ma sono anche un profeta”.

Condividi questa storia

“Veniamo dalla Polonia. Non sappiamo nulla di questo festival!”.

Condividi questa storia

“Questo è l’abito del pescatore Algherese. Risale al 1826. I primi riferimenti si trovano in alcune tavole di Alessio Pittaluga. Li produciamo ancora con telai antichi, tessuti a mano. Poterli indossare al Giro d’Italia ci rende orgogliosi”.

Condividi questa storia