Storie | #StorieDalGiro

Abbiamo una storia
e delle storie da raccontare

“All’inizio non volevo confondere le mie passioni col business. Poi un collaboratore mi convinse e diventammo sponsor del Giro d’Italia. Non vedevo l’ora che me lo proponessero. Amo il Giro. Amo il ciclismo. Il ciclismo è uno sport vero, per uomini veri. Occorre avere una predisposizione alla sofferenza che raramente puoi ritrovare in altri sport. Nel ciclismo si corre tutti i giorni, e tutti i giorni si riparte da zero. Ricordo quando Coppi cadde, nel ’50 e si ruppe la clavicola. Dovette lasciare il Giro. Aveva fatto un inizio di stagione favoloso, vincendo la Parigi –Roubaix, staccando tutti. Era in formissima. C’era questo suo compagno di prigionia in Africa che abitava nel mio paese, a Tombolo, era un suo tifoso e lo aspettava in cima al Pordoi. Quando arrivò via radio la notizia che Coppi fosse caduto lui si allontanò. Lo cercavano tutti: “Dov’è Albano? Dov’è Albano?” Lo videro in mezzo alla neve. Un puntino. Andarono a chiamarlo, ma l’unica cosa che disse fu: “Lasciatemi morire qui.”

Ennio Doris, Presidente di Banca Mediolanum

Condividi questa storia

“Lei mi regalò una bicicletta per Natale, anni fa, poi la passione è continuata al punto che tuttora ci vado a lavoro e ci faccio le uscite giornaliere. Ci siamo addirittura trasferiti per poter andare a lavoro in bici. Quando esco in bici le mando le foto di dove arrivo, anche solo del cartello col nome del paese. Quando lei è a lavoro mi porto la bici in casa e la lucido. Ho studiato anche i libri di meccanica per sistemare la bici. E’ tutta colpa sua, e di Bartali. Mi sono appassionato quando ho scoperto che nascondeva i documenti nel telaio della bici per aiutare le persone. Da lì è stato facile innamorarsi del giro d’Italia”.

Condividi questa storia

“Siamo ciclisti amatoriali. Avevamo intenzione di salire con i motorini, ma per fortuna non lo abbiamo fatto. Abbiamo incontrato persone da tutta italia, da tutto il mondo, persino dall’Australia. A metà strada ci hanno offerto vino e salsiccia. E’ stato bellissimo! Siamo saliti fino a qui e ci sembrava di aver fatto un’impresa, poi abbiamo visto un ragazzo salire con la bici da passeggio. Incredibile.”

Condividi questa storia

“La mia storia comincia nel 1983. Venni in Italia a correre in bicicletta. Sono stato un paio di anni a fare il corridore a Milano, per la Guercioli. Poi non passai professionista e smisi di correre. Quello stesso anno mi sono laureato in educazione fisica ed entrai a lavorare con una squadra di ciclismo francese. Qualche anno dopo, a d un giro di Catalunya conobbi Maurizio Fondriest e poco tempo dopo lui mi chiese di lavorare con lui. Venni qui a Cles e cominciai a fare un po’ di tutto per lui, dal massaggiatore al procuratore, fino all’88, quando divenne Campione del Mondo. Poi le nostre strade si divisero, io tornai in Cile, ma fu solo una separazione professionale. Siamo amici da 30 anni, siamo amici da sempre.”

Condividi questa storia

“Sono in attesa dei corridori. Ci vorrà un po’, ma mi sono attrezzato bene”.

Condividi questa storia

“Le montagne hanno una storia. Prendi questa. Qua sopra c’è una cava di marmo rosso. Se ci fai caso vedrai dei pezzi di legno lungo il crinale perché, fino a quasi 20 anni fa facevano scivolare, da 1500 metri di altitudine fino a qua, questi enormi pezzi di marmo rosso. Ora la vegetazione ha coperto tutto, il marmo si porta giù coi camion. Sono tornati anche gli orsi. Ecco, il giro ha la capacità unica di raccontare le storie delle montagne: lo Zoncolan, il Mortirolo, lo Stelvio, montagne epiche, con una storia”.

Condividi questa storia

“Siamo partiti stamattina, con calma. Abbiamo fatto la salita in macchina. Ora ho trovato questa postazione tattica. Speriamo di non vederli salire con gli occhi di fuori. Il Giro mi ricorda mia madre, per lei era sacro, rappresentava ciò che mi ha insegnato: il sacrificio”.

Condividi questa storia

“Una volta vidi una tappa a Col Fosco, tanti anni fa, poteva essere 20 anni fa. Fu bellissimo!”

Condividi questa storia

“Questo costume è il costume tipico della Val Pusteria e si portava nelle giornate festive. Ancora oggi lo portiamo nei giorni di festa, da più di 100 anni. Oggi c’è il giro, ed è un giorno di festa. Quale occasione migliore?”.

Condividi questa storia