Storie | #StorieDalGiro

Abbiamo una storia
e delle storie da raccontare

“Io sono del Perù e vivo qui a Siusi, mio marito è di Belluno e ci siamo incontrati qui. Mi sembra un po’ come essere a casa mia visto che vengo dalla terra del Machu Picchu. Mi trovo bene visto che ho trovato lavoro, una casa… e anche l’amore!”

Condividi questa storia

“Vengo dalla Nuova Zelanda e sono stato alcune volte a vedere il Tour de France. Avevo sentito dire che il Giro d’Italia era molto meglio, quindi visto che ero a Londra ho preso un volo per venire qui a vederlo dal vivo. Qui c’è molto più lo spirito vero del ciclismo. Al Tour c’è più lo show, qui ritrovo la purezza dello sport.“

Condividi questa storia

”È sempre bello essere fermati per strada e firmare autografi perché la gente riconosce ancora quello che hai fatto nello sport e quello che fai nella vita attuale, questo per me è importantissimo perché la carriera da atleta è una cosa ma una persona seria nel tempo è sempre ben vista. Da quando ho smesso di correre non ho mai smesso di allenarmi, l’obbiettivo è quello di poter andare in bicicletta e fare certi giri. La bicicletta è una bella cosa se sei un po’ allenato, allora ti diverte moltissimo perché ti permette di andare a vedere posti che non andresti a vedere con altri mezzi.” Maurizio Fondriest, campione del mondo nel 1988 e vincitore della Milano-Sanremo nel 1993

Condividi questa storia

“Ho un lavoro a casa che mi soddisfa, produco prosecco e allevo asini che utilizzo anche come sfalcio ecologico in mezzo alla vigna. Io ho sempre fatto una vita normale, nonostante fossi un atleta, e non ho avuto problemi quando ho smesso. Mi è sempre piaciuto andare in osteria e alle feste paesane come una persona normale quando non lavoravo, forse anche per questo la gente mi vuole bene. Per questo Giro mi hanno dato l’opportunità di lavorare in TV e sono contento di rimanere vicino a questo mondo.” Marzio Bruseghin, ex ciclista professionista, terzo al Giro d’Italia 2008

Condividi questa storia

“A quei tempi seguivamo gli allievi perché la Mastromarco aveva una squadra juniores e avevamo degli amici in Sicilia che ci avevano segnalato questo ragazzino. Così io e il presidente Malucchi andammo in Sicilia a conoscerlo e lo ospitammo a Mastromarco, dove gli facemmo fare quattro o cinque gare di allievi in Toscana. Le dominò tutte, dalla partenza all’arrivo in fuga vincendo anche con quattro minuti di vantaggio. Parlammo coi genitori e venne ad abitare con me e mia moglie. Lo trattavamo come un figlio nostro. Lui è sempre stato un ragazzo votato al ciclismo, uno spirito di sacrificio innato, mai una distrazione. Ancora oggi, che abita in Svizzera, quando passa a trovarci – con la moglie e la figlia, che per noi è una nipotina – è sempre una festa, ci chiama e dice: “Voglio la ciccia!”. E noi gli prendiamo una bella fiorentina.” Carlo Franceschi, Direttore Sportivo di Vincenzo Nibali nei dilettanti alla Mastromarco

Condividi questa storia

“Faccio parte del gruppo delle scorte tecniche e facciamo sicurezza ai corridori. Segnaliamo i pericoli, spartitraffico, curve pericolose, macchie d’olio per terra… Bisogna essere sempre vigili perché può succedere di tutto. Amo il mio lavoro perché si vedono posti stupendi e posso seguire il mio sport da vicino.”

Condividi questa storia

“Sono un simpatizzante di Nibali ma non proprio tifoso perché sono appassionato del ciclismo in generale. Personalmente faccio 18-20.000 km all’anno su queste strade e le conosco tutte come le mie tasche. Oggi per i ciclisti sarà proprio dura ma è uno spettacolo vederli salire.” 

Condividi questa storia

“Sono arrivato qui da Belluno, saranno 50km ma è bella dura e non penso di salire fino in cima al Pordoi. Rimango qui seduto sul paracarro e aspetto, tanto qui si trova sempre qualcuno con cui scambiare quattro parole.” 

Condividi questa storia

“Siamo qui da ieri sera e siamo morti di freddo in tenda stanotte. Ogni anno facciamo almeno una tappa quando passa qui vicino a casa. Il cartello del Castello di Godego lo portiamo sempre con noi, così se il Giro non passa per Godego, Godego viene al Giro.”

Condividi questa storia