Storie | #StorieDalGiro

Abbiamo una storia
e delle storie da raccontare

“Qui siamo al Colle Santa Lucia e stiamo allestendo il locale coi palloncini in attesa del passaggio dei corridori, col sole splendido di oggi possiamo star fuori fino a stasera.” 

Condividi questa storia

“Sono appassionata di ciclismo e non vedevo l’ora che passasse di qua il Giro, oggi la Tappa la sentiamo nostra.”

Condividi questa storia

“Per me pedalare è una preghiera. La bici mi ha fatto ritornare ad essere un bambino normale quando persi una gamba a causa di un cancro. Il ciclismo fu il primo sport che ripresi, con un pedale adattato per permettermi di pedalare con la protesi. All’inizio pensavo di non farcela e poi non sono più sceso. Ogni giorno dell’anno io pedalo, e non è solo uno sport ma è tornare a essere un ragazzo normale. All’inizio andavo con i pantaloni lunghi perché mi vergognavo di mostrarmi. Poi col caldo estivo sono stato costretto a mettere i pantaloni corti e vedevo come fossero sorpresi. Lì ho capito che non dovevo vergognarmi della mia storia ma esserne orgoglioso. Il bello è che nel mondo siamo tanti e di ogni genere diverso, ognuno ha una sua storia, e questa varietà è un tesoro.” 

Condividi questa storia

“Per il rifornimento è importante la posizione, bisogna essere comodi per distribuire acqua e alimenti. A volte ci sono strade strette, a volte molto larghe ed esposte al vento, e quello è un bel problema. La grande difficoltà è quando il gruppo va ad alta velocità. La mattina si preparano 3 casse-frigo per un totale di 180 borracce. In più siamo organizzati per avere altre 100 borracce se le giornate sono molto calde. Poi prepariamo dei panini, delle tortine di riso, crostatine con marmellata, gel e barrette… Mangiano bene, non gli manca niente. Non arrivano mai né con la fame né con la sete. Cerchiamo di trattare i corridori al meglio possibile.” 

Condividi questa storia

“Siamo saliti da Faedis a piedi e dopo due ore siamo arrivati qui. Dal tronco abbiamo una buona visuale per fare le foto.”

Condividi questa storia

“Facciamoci un selfie!”

Condividi questa storia

“Siamo i diavoli della salita, siamo venuti a sostenere i ciclisti in salita. Ci alimentiamo di adrenalina!” 

Condividi questa storia

“La salita è dura, me l’avevano detto ma non pensavo così tanto. Arriveremo al gran premio della montagna e faremo merenda aspettando i corridori. Poi la discesa sarà più divertente, facciamo la fatica di portarci su le bici per questo! “

Condividi questa storia

“Sono arrivato alle 11 di mattina con mio figlio che ha 12 anni, dopo tanti anni che vengo da solo è la prima volta che viene a vedere una tappa con me.”

Condividi questa storia