Storie | #StorieDalGiro

Abbiamo una storia
e delle storie da raccontare

“Sappiamo che c’è il Giro in città. L’abbiamo letto sul gruppo di facebook dell’Università. Forse andremo a vederlo, ma se ci sono le lezioni non potremo.”

Condividi questa storia

“Si pesca ma c’è poca vendita. Ormai i giovani non comprano il pesce perché non hanno voglia di cucinarlo. Stiamo perdendo tutte le tradizioni di un tempo. Il Giro è una tradizione. Lo vediamo quando siamo a casa, quindi quasi mai. Lavoriamo dal lunedì al venerdì. Quindici, sedici, diciassette ore al giorno.”

Condividi questa storia

“Da ragazzo ho messo da parte i soldi per più di un anno per comprare la mia prima bicicletta. Era verde scuro, bellissima, col manubrio dritto sportivo di cui ero orgoglioso, mi sembrava di avere una Ferrari. Dopo un mese me l’hanno rubata proprio fuori dal negozio di ferramenta dove facevo il commesso, pensavo fosse uno scherzo e invece era proprio vero. Mi avessero pugnalato non avrei sofferto così tanto! Dopo qualche mese mio padre mi regalò una bicicletta identica a quella. Da quel momento quando facevo le consegne a domicilio per il negozio me la mettevo in spalla sulle scale fino alla porta del cliente che sorpreso mi diceva: “Guardi che io non ho ordinato una bicicletta!”. Di quella bicicletta del 1955 conservo ancora il telaio perché è uno dei ricordi più belli della mia vita.” Vittorio Adorni, vincitore del Giro d’Italia 1965 e del campionato del mondo 1968

Condividi questa storia

“Noi facciamo puro cicloturismo. Ci godiamo le bellezze della nostra Calabria. Purtroppo qui non abbiamo molte piste ciclabili e dobbiamo sempre lottare con gli automobilisti. Non andremo alla partenza della tappa ma qualche km più avanti per vedere i ciclisti passare.”

Condividi questa storia

“Quando ho saputo che sarebbe passato il Giro ho comprato un libro. Volevo saperne di più. Ho scoperto che agli albori c’erano campioni che facevano lavori umili, come lo spazzacamino, ed erano riusciti a sfuggire alla povertà grazie al ciclismo. Facevano tappe anche di 400 Km. Si partiva a mezzanotte per arrivare nel pomeriggio.” 

Condividi questa storia

“Non posso andare a vedere la partenza del Giro a Catanzaro perché lavoro. Fosse stato di domenica sarei andato ma l’hanno messo di martedì. O il lavoro, o la bici. Giusto?”

Condividi questa storia

“Il mio lavoro consiste nel cucinare e preparare il cibo per i corridori durante tutti i grandi Giri. Seguiamo la squadra per 135 giorni l’anno. Ovviamente è stancante, sei sempre in movimento, non hai mai un giorno completo di pausa per rilassarti e fare quello che vuoi.Per  me è la combinazione perfetta tra viaggiare e cucinare. E’ un lavoro perfetto.”

Condividi questa storia

“Il passato del ciclismo, il passato delle cose, della campagna, del lavoro è un valore in più. Bisogna curarsi di quello che è stato il passato per guardare al futuro.”

Condividi questa storia

“Si dice che la TV abbia insegnato l’italiano agli italiani. Il Giro d’Italia ha sicuramente fatto conoscere l’Italia agli italiani.” 

Condividi questa storia