Storie | #StorieDalGiro

Abbiamo una storia
e delle storie da raccontare

”Io sono del 1953. Ho corso in bici fino a 19 anni e poi mi sono arruolato in Marina. Mi sono divertito e qualcosina ho vinto. Ora mi mancano due anni alla pensione e vendo coltelli nelle fiere. Nel tempo libero vendo bici vintage su internet, non per guadagnare ma per comprare altre bici. Fin ora ne avrò vendute circa mille, ho cominciato circa venti anni fa quando, con l’avvento dell’alluminio, il corridore non voleva più i telai in acciaio. Le trovavo in discarica o le svendevano nei mercatini. Oggi le vendo in tutto il mondo.”

Condividi questa storia

“Ho fatto un giretto in bici da Milano e sono venuto fin qui a vedere l’arrivo di tappa. Mi piace pedalare in strada ma la cosa più divertente è fare ciclocross. È una disciplina che si pratica prevalentemente d’inverno: si pedala nel fango, ci si sporca e si saltano ostacoli. È molto divertente ma in città non ci sono percorsi dove è permesso praticarlo quindi organizziamo delle uscite notturne. Lo abbiamo chiamato “Ghettocross” perché andiamo sempre a correre nei parchetti pubblici in periferia che sono reputati malfamati, così portiamo un po’ di colore dove la gente pensa che non ci sia nulla da fare.” 

Condividi questa storia

“L’idea della maglietta è di Giacomo: sembra un’etichetta di whisky ma sotto c’è scritto “Gli amici di Giacomo chiedono di tifare responsabilmente” perché il tifoso di solito esagera. Invece a me piace l’esuberanza e vorrei dire al CT che se non convoca Giacomo al mondiale non porta medaglie a casa, perché è lui il numero uno dei velocisti italiani sulle gare sopra i 250km. Poi ognuno è libero di fare quello che vuole!”

Condividi questa storia

“A Cassano d’Adda stanno un po’ esagerando, stanno addobbando tutto il paese per il 50° anno dalla mia vittoria al Giro d’Italia. Mi fa piacere che ci sia tanta gente che mi vuole bene, non riesco a capirne il motivo ma mi fa piacere. Ancora oggi faccio 13.000km l’anno e mi piace incontrare la gente per strada. Io sto bene quando vado in bicicletta, cosa vuoi che ti dica!” Gianni Motta, vincitore del Giro d’Italia 1966, di un Giro di Lombardia e di tre Giri dell’Emilia

Condividi questa storia

“Le pedalate Mediolanum ormai sono una tradizione del Giro d’Italia. L’atmosfera è quella del divertimento in attesa dell’arrivo di tappa, socializzare e divertirsi. Le nostre pedalate al giro ci permettono di vedere i panorami di cui, quando eravamo in gara, non ci accorgevamo nemmeno. Finita la carriera ho iniziato ad uscire in bici per divertimento e spesso mi sono fermato sulle colline intorno a casa mia sorprendendomi dei panorami e i miei amici mi dicevano “Guarda che loro sono sempre stati là, sei te che non avevi tempo di guardarli”. Paolo Bettini , campione olimpico su strada ai Giochi di Atene 2004 e campione del mondo di specialità nel 2006 e nel 2007

Condividi questa storia

“Io accendo il fuoco bene, lo lascio sempre acceso. I pezzetti di legno li faccio per le vecchiette che così riescono ad accendere il fuoco più facilmente. Con queste stecchette si trovano una meraviglia, ne produco circa 60-70kg al giorno.”

Condividi questa storia

“Ormai le cabine telefoniche non ci sono più, questa è qua da sempre ed è il nostro punto di riferimento.” 

Condividi questa storia

“Ho provato ad arrampicarmi e ci sono riuscita. Da qui si vede proprio bene. Sono qui da soli dieci minuti, strano che non ci abbia pensato qualcuno prima.”

Condividi questa storia

“Per ventun anni ho fatto il panettiere. Per hobby – dopo aver passato 13, 14 ore davanti al forno – ho cominciato a mettere a posto le bici ai ragazzini di 5/6 anni. La notte facevo il pane, di giorno mettevo a posto le bici e nel fine settimana andavo a vedere le corse di Maurizio (Fondriest). Così siamo diventati amici. Mi ha visto lavorare e mi ha preso nel suo negozio nel 1992. Poi sono finito a fargli da meccanico nelle sue avventure alla Lampre, alla Roslotto e alla Cofidis… Adesso mi trovate sempre in negozio, a parte quando alleno la squadra di juniores assieme a mio figlio Thomas.” 

Condividi questa storia